1180-ricorso-ds-3b 1

Governo

Per stabilizzare i docenti inseriti nella seconda fascia della graduatoria d'istituto e il personale ATA, reclutare i dirigenti, pagare gli scatti di anzianità ai precari, calcolare per intero il pre-ruolo nella ricostruzione di carriera, aumentare 40.000 posti di sostegno, consentire l'assegnazione provvisoria dopo un anno ai neo-assunti, sbloccare i contratti dal 2016, mandare in pensione Quota 96, eliminare i tagli di 1 miliardo e 400 milioni al Fondo d'istituto e al personale Vicario, ATA, Docente, Comandato.

E' una maggioranza parlamentare trasversale quella che, alla Camera dei Deputati, dopo le denunce dell'Anief-Confedir nei mesi scorsi e accogliendo alcune sue proposte specifiche, ha presentato diversi emendamenti durante l'esame del disegno di legge di stabilità 2015 (AC 2679-bis) agli articoli 3, 21 e 28. Come è noto, il provvedimento finanziario attua già alcuni principi presenti nel documento "La Buona scuola" del Governo Renzi che l'Anief sta commentando in un ampio dibattito dentro le scuole durante i più di 150 seminari svolti sulla legislazione scolastica.

A questo punto - dichiara Marcello Pacifico presidente Anief e segretario organizzativo Confedir, è evidente che il Governo debba prestare ascolto a delle proposte sensate se vuole essere coerente con la battaglia culturale che ha sposato nel mettere la Scuola al centro del dibattito politico del Paese.

 

Così il Governo finanzia la riforma della scuola. Riduzione di 100 milioni del fondo per l’autonomia. Saltano 1.591 esoneri e 3.105 semi-esoneri dei vicari, 2.500 comandi tra cui 1.371 presso UU.SS.RR., 2.017 posti ATA in organico di diritto, le supplenze brevi per assistenti tecnici e amministrativi, stretta per docenti e collaboratori scolastici. Mortificato il fondo per la ricerca applicata e ridotto il FFO delle Università. Anief lancia un appello al Parlamento e chiede emendamenti oppure sarà caos nell’organizzazione dei servizi ai cittadini.

L’operazione, che per lo Stato e i cittadini non comparta aggravi di spesa, andrebbe estesa al funzionamento degli istituti, dove il personale continua a svolgere la loro quotidiana attività professionale per puro spirito etico-professionale, a fronte di incentivi che possono essere paragonati ai rimborsi spese di chi fa volontariato

Marcello Pacifico (Anief-Confedir): un provvedimento intelligente del Governo che ora va allargato. Il sindacato coglie l’occasione per fare i migliori auguri di buon lavoro a Davide Faraone, neo eletto sottosegretario all’Istruzione.

L’operazione, che per lo Stato e i cittadini non comparta aggravi di spesa, andrebbe estesa al funzionamento degli istituti, dove il personale continua a svolgere la loro quotidiana attività professionale per puro spirito etico-professionale, a fronte di incentivi che possono essere paragonati ai rimborsi spese di chi fa volontariato

Marcello Pacifico (Anief-Confedir): un provvedimento intelligente del Governo che ora va allargato. Il sindacato coglie l’occasione per fare i migliori auguri di buon lavoro a Davide Faraone, neo eletto sottosegretario all’Istruzione.

La gravità del provvedimento è che la sparizione dell’indennità di vacanza contrattuale, non più recuperabile, preannuncia l’intenzione di bloccare ulteriormente le buste paga di tre milioni di lavoratori per altri ulteriori tre anni.

Marcello Pacifico (Anief-Confedir): le buste paga di tre milioni di lavoratori sempre più vicino alla soglia della povertà. Non è così che si rilancia l’economia delle famiglie e del Paese.

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie