contatti

Tutte le notizie

Anief ricorda a tutti i candidati che hanno titolo a presentare la domanda per l’adesione al PAS-TFA speciale per conseguire l’abilitazione che è necessario aderire al ricorso promosso dal sindacato presso il TAR Lazio entro il 27 settembre per chiedere l’annullamento del D.M. 81/13 laddove prevede l’esclusione dalla graduatorie ad esaurimento. Chiedi le istruzioni a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

In effetti, pur in assenza del perfezionamento dell’iscrizione al corso del PAS-TFA speciale, poiché l’atto amministrativo va impugnato entro 60 giorni dalla sua pubblicazione in gazzetta ufficiale e considerata la sospensione feriale dei termini, è sufficiente aver presentato la domanda tramite il sistema istanze online al Miur per la partecipazione al ricorso per ottenere l’inserimento in Gae, come per gli specializzati del IX ciclo SSIS e i laureati in SFP.

Considerata la conclusione di alcuni percorsi abilitanti, saranno presentati due ricorsi distinti: uno riguardante gli abilitati con il TFA ordinario e uno riguardante gli aspiranti che intendono conseguire l’abilitazione con il PAS-TFA speciale.

 

Grazie alla sospensione feriale dei termini, è possibile ancora aderire al ricorso al Tar Lazio per chiedere il solo annullamento dell’art. 15, c. 27bis del D.M. n. 81 del 25 marzo 2013, pubblicato il 4 luglio in G.U., prima dell’aggiornamento triennale delle graduatorie, previsto per la primavera del 2014. Per chiedere le istruzioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro il 27 settembre 2013. Leggi le precisazioni.

A seguito di diverse segnalazioni giunte si precisa, inoltre, quanto segue:
1. Il ricorso impugna il solo D.M. n. 81 del 25 marzo 2013 e non già il D.M. n. 572 del 27 giugno 2013 perché estraneo alla materia (scioglimento riserva per chi è già inserito in graduatoria) e per la sua giurisdizione (giudice del lavoro).
2. Il ricorso non è impostato come una Class action perché i suoi effetti non potrebbero essere spesi dai singoli ricorrenti e perché non vi è alcun atto amministrativo da mettere in esecuzione perché in contrasto con la normativa primaria (presupposto di tale azione legale).
3. Il ricorso mira ad annullare l’esplicita esclusione dalle Gae degli abilitati con il TFA perché irragionevole e discriminatoria, comunque incostituzionale.
4. Se non si otterrà un provvedimento cautelare positivo prima dell’aggiornamento triennale delle graduatorie o se tale provvedimento - se positivo - non sarà recepito dal Miur con la previsione dell’inserimento con riserva dei ricorrenti - in attesa della decisione di merito, l’adesione individuale al ricorso presentato in forma collettiva al Tar Lazio contro tale decreto ministeriale entro i termini di legge sarà condizione pregiudizievole per l’eventuale ulteriore procedura di impugnazione al giudice del lavoro del provvedimento di esclusione dalle Gae all’atto della loro nuova pubblicazione (v. ricorsi Anief inserimento a pettine).
5. L’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento rappresenta in questo momento l’unico possibile accesso al ruolo e alle supplenze annuali dei docenti abilitati. Non esiste alcuna ipotesi di un prossimo concorso riservato ai soli abilitati con il TFA che sarebbe impugnato, in primo luogo, dagli abilitati delle SSIS; di contro, per il 50% dei posti potrebbe essere riservato ai soli precari con tre anni di servizio come da intenzioni del Governo.

I precedenti comunicati

TFA ordinario – PAS (ex TFA Speciale): inviate le istruzioni operative per ottenere l’inserimento in GaE

TFA ordinario – PAS (ex TFA speciale): ANIEF avvia i ricorsi al Tar Lazio per inserimento in GaE

 

 

Continua la mobilitazione ANIEF per l’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento degli abilitati TFA ordinario e dei futuri abilitati PAS (ex TFA Speciale). Il sindacato ha predisposto e inviato le istruzioni operative per ricorrere a coloro che hanno già preaderito. Adesioni ancora aperte fino al 21 agosto 2013. Richiedi le istruzioni scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Mentre giunge a conclusione il primo ciclo del TFA ordinario e si attende il decreto per l’avvio dei PAS (ex TFA Speciali), ANIEF inizia l’iter giudiziario per impugnare le modifiche al Regolamento introdotte dall’art. 15, c. 27bis del D.M. 25 marzo 2013 (pubblicate in G.U. lo scorso 4 luglio), che vietano l’inserimento nella terza fascia delle graduatorie ad esaurimento, già previsto per i docenti abilitati presso le SSIS o i corsi ex-lege 143/04.

Ricordiamo che anche chi deve inoltrare nei prossimi giorni la domanda di iscrizione ai percorsi abilitanti speciali deve fin da adesso promuovere ricorso al Tar Lazio, perché il provvedimento va impugnato entro 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale.

Se non hai ancora preaderito, scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro il prossimo 21 agosto per ricevere le istruzioni operative.

 

Impugnate le modifiche al Regolamento introdotte dall’art. 15, c. 27bis del D.M. 25 marzo 2013 pubblicate in Gazzetta il 4 luglio scorso che vietano l’inserimento nella terza fascia delle graduatorie ad esaurimento, già previsto per i docenti abilitati presso le SSIS o i corsi ex-lege 143/04. Possono aderire sia i docenti iscritti o già abilitati presso il TFA ordinario sia chi si iscriverà ai PAS. Invia la scheda di preadesione a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro il 4 agosto per ricevere le istruzioni operative.

Coloro che hanno già preaderito inviando la scheda a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. riceveranno nei prossimi giorni le istruzioni senza ulteriori adempimenti.

Si ricorda che anche chi deve inoltrare nei prossimi giorni la domanda di iscrizione ai percorsi abilitanti speciali deve fin da adesso promuovere ricorso al Tar Lazio, perché il provvedimento va impugnato entro 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale.

Tutta la normativa successiva alla trasformazione delle graduatorie da permanenti ad esaurimento, infatti, ha sempre concesso l’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento dei docenti abilitati presso i percorsi abilitanti attivati dallo Stato come presso i percorsi abilitanti all’estero. Persino chi era inserito con riserva nelle Gae, in qualità di congelato SSIS, può ora inserirsi a pieno titolo dopo aver conseguito l’abilitazione presso il TFA ordinario. La legge era chiara: la nuova formazione iniziale doveva essere collegata al reclutamento, mentre oggi si vorrebbe addirittura escludere nel Regolamento l’assunzione in ruolo o come supplente annuale, visto il divieto di inserimento nelle stesse graduatorie ad esaurimento. Partecipa al ricorso per aver riconosciuti gli stessi diritti dei tuoi colleghi grazie all’ANIEF che si è distinta in questi anni per aver fatto inserire nelle Gae i docenti del IX ciclo SSIS e di SFP.

Leggi l’articolo precedente

Scarica la scheda dati

 

Per il sindacato è illegittima l’esclusione dei nuovi abilitandi dall’esercizio alla professione insegnante, dopo aver consentito l’inserimento, nel 2008 e 2012, nelle ex-graduatorie permanenti degli specializzati del IX ciclo SSIS e dei laureati in Scienze della Formazione primaria. Contestato il c. 27, art. 15 D.M. 249/2010, introdotto dal c. 1, lettera m, art. 4 del Regolamento di modifica del 25 marzo 2013. Scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per la preadesione non vincolante al ricorso. Diventa coordinatore ANIEF nella tua università per preparare la manifestazione nazionale e sensibilizzare la politica.

La storia è nota da tempo: nel dicembre 2006 (legge 296) si trasformano le graduatorie permanenti (GP) in graduatorie ad esaurimento (GaE), unico canale di assunzione (50% dei posti) per il personale abilitato attraverso i corsi universitari, fin dalla loro istituzione nel 1999.

Nell’a. a. 2007-2008 parte il IX ciclo SSIS (Scuole di Specializzazione), ma nei diversi Atenei - con speciali avvisi - si rimarca nel bando di ammissione che l’abilitazione rilasciata non sarà utile per l’ammissione nelle GaE. L’allora Anief Onlus denuncia tale interpretazione e organizza una nuova mobilitazione, coordinando gli studenti di tutta Italia e riuscendo, nell’ottobre 2008, a seguito di una manifestazione tenutasi a Roma con più di 2.000 persone, ad ottenere - legge 169/2008 - la loro iscrizione nelle GaE.

Nel dicembre 2008, all’Anief Onlus subentra l’ANIEF Sindacato, che allarga la sua azione a tutto il personale della scuola, precario o di ruolo, dopo la chiusura delle SSIS ma non dei corsi abilitanti presso Scienze della Formazione Primaria, Accademie e Conservatori, dove si continua a formare docenti che rimangono esclusi dalle GaE. L’ANIEF riparte con la mobilitazione, li coordina e promuove tre manifestazioni a Roma che in due anni portano all’approvazione di un emendamento al Decreto Milleproroghe 2012 che ne consente l’inserimento in GaE, sia pure nella IV fascia e non nella terza come richiesto, nel maggio 2012.

Nell’ultimo anno accademico 2012-2013, con la partenza dei TFA ordinari, ANIEF annuncia di voler riprendere la mobilitazione dopo il conseguimento dell’abilitazione dei nuovi aspiranti insegnanti che chiedono l’inserimento nelle GaE all’atto dell’aggiornamento del 2014, ma il nuovo Regolamento sul TFA (che modifica il Decreto 249/2010) introduce - senza averlo sottoposto alle rispettive Commissioni parlamentari - uno specifico comma che prevede il divieto espresso di inserimento nelle GaE. Per questa ragione, ANIEF ha deciso di rompere ogni indugio e di avviare fin da subito la campagna di mobilitazione degli studenti iscritti al TFA ordinario, prima ancora del conseguimento dell’abilitazione, per coordinarli ed avviare uno stato di agitazione che porti a una o più manifestazioni nazionali, a eventuali iniziative giudiziarie e alle necessarie iniziative politiche tese all’approvazione di un emendamento legislativo.

Non esistono abilitazioni di serie A e di serie B. Il riconoscimento dell’abilitazione per la sola II fascia delle Graduatorie d’Istituto è illegittimo e ridicolo, né l’ipotesi di nuovi concorsi può portare speranza visto che sembrano mancare addirittura i posti del concorso a cattedra attualmente in corso. Chi ha superato l’accesso a numero chiuso per il TFA ordinario e ha conseguito l’abilitazione ha diritto all’inserimento nell’unico canale di reclutamento a lui deputato, le GaE. I ricorsi mirano a ripristinare la parità di trattamento tra docenti. Il mancato inserimento appare decisamente una truffa, considerato che questi docenti hanno superato un accesso a numero programmato in base all’esigenza di posti rilevata dal Miur, per andare ad insegnare insieme agli iscritti delle Facoltà di Scienze della Formazione primaria nel 2012 e nel 2013 e a coloro che si iscriveranno al TFA speciale.

Se vuoi coordinare i tuoi colleghi con ANIEF presso la tua Università sede di TFA ordinario, o la Facoltà di Scienze della Formazione Primaria, o sede di TFA speciale (dopo le iscrizioni), al fine di programmare assemblee informative sulla legislazione scolastica e sul reclutamento, una manifestazione nazionale e la campagna di preadesione ai ricorsi, invia il modulo di candidatura a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Per preaderire al ricorso, invece, invia il modulo di preadesione a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

È ovvio che la via giudiziaria e la campagna di sensibilizzazione politica che mira all’approvazione di un emendamento analogo a quelli approvati in passato, potranno funzionare soltanto se si raggiungerà la stessa unitarietà di interventi e lo stesso coordinamento avuto negli anni passati. Per questa ragione, non c’è più tempo da perdere: unisciti all’ANIEF per rivendicare un diritto già tuo.

Scarica il modulo di preadesione al ricorso

Scarica il modulo di candidatura al coordinamento

Scarica il volantino da diffondere