contatti

Tutte le notizie

USB e Anief alle prossime elezioni presenteranno liste diverse ma questo fatto sembra essere ignorato da alcuni “giornalisti” o commentatori sindacali. Fin qua nulla di grave, siamo in campagna elettorale e qualcuno esagera preso dalla foga della sfida o dalla paura di perdere lo scontro elettorale, sicuramente dal punto di vista politico.

E' veramente curioso che la FLC-CGIL si stia spingendo oltre il diffondere notizie false (liste comuni USB e ANIEF), dando argomenti a dir poco fantasiosi per giudizi azzardati e un po' pittoreschi, parlando in un comunicato della FLC Lombardia di “ANIEF e USB e le loro “strane” alleanze”.

La “normalità”, per noi, è un appello inviato a tutte le OS per portare le istanze di democrazia, non solo dei precari, per modificare il Regolamento Elettorale. La FLC non si è neanche degnata di rispondere. Perché stiamo consultando i lavoratori? Perché chiediamo il diritto di assemblea per i lavoratori negato anche in campagna elettorale? Qualcuno ci chiama sindacati minori e allora perché ora tutto questo parlare di USB e Anief?

Anief e USB sono due organizzazioni diverse, per storia e impostazione sindacale ma questo non ha impedito di fare un piccolo, importante passo comune per denunciare la mancanza di democrazia nelle relazioni sindacali come volute dallo strapotere di CGIL,CISL e UIL & company.

Ripetiamo, presentiamo liste separate e non esiste alcuna “strana” alleanza, forse la nostra iniziativa unitaria è, piuttosto, una “minaccia” per chi deve tenere divisi i lavoratori mentre si accorda con i suoi carnefici.

Vogliamo entrare nel merito delle alleanze “morbose”? Vogliamo parlare di fatti? Degli Accordi e dei Contratti firmati? Da quando vogliamo partire? Dagli accordi del luglio 1993 che hanno fatto strage della democrazia con la concertazione ? Oppure dal rifiuto di scioperare con i sindacati di base il 17 ottobre 2008 contro il “maestro unico” per scioperare poi il 30 ottobre, a decreto approvato, per aspettare CISL, UIL e UGL? Lo stesso giorno gli amici “normali” della FLC-CGIL firmavano con il Governo Berlusconi le pesanti modifiche alla contrattazione.

O dal Patto Sociale ancora su contrattazione, pensioni e apprendistato già firmato con la Confindustria?

E dell'ultimo contratto sulla Mobilità, o meglio ancora del bel Fondo Pensione (dopo il “successo” di ESPERO), SIRIO per il resto del Pubblico Impiego? E del Contratto nelle scuole private? Un elenco troppo lungo.

Possiamo dire che questi signori sono tutti uniti, tra loro e sempre ai Governi, di tutti i colori!

Nelle scuole l'aria si sta facendo pesante, i dirigenti stanno spingendo per avere le “loro” liste e tantissimi non hanno neanche bisogno di chiederle perché le liste degli alleati di ferro CGIL, CISL, UIL, SNALS e GILDA sono piene di Vicari e DSGA e nessuno che ne dichiara liberamente “l'incompatibilità” contro i continui casi di conflitti di interessi durante la contrattazione.

La situazione generale è veramente grave e, ancora una volta, dobbiamo registrare che il vero compito di certi sindacati è quello di impedire il libero confronto sui contenuti e la partecipazione dei lavoratori.

Loro meglio di noi si stanno accorgendo che la pacchia sta finendo, gli spazi per le finte mediazioni sono finiti (quanta fatica stanno facendo per gli scatti pagati con i nostri soldi!) e che probabilmente già in questa tornata elettorale i lavoratori troveranno il modo di sconfessarli.
A loro le chiacchiere a noi i fatti!

Comunicato congiunto ANIEF e USB

Appello a Docenti e ATA: Votate l’originale ANIEF. Astenetevi, laddove non trovate una lista dell’ANIEF. Mai come al momento del voto, le parole sono così lontane dai fatti. Confrontate i programmi con i comunicati stampa. Il 5-7 marzo puoi ancora scegliere: aiuta l’ANIEF a divenire rappresentativa! Mercoledì 22 ottobre, presentazione dei candidati ANIEF in ogni provincia.

La CISL segue l’ANIEF sui ricorsi per l’indennità di reggenza ai vicari, la UIL segue l’ANIEF contro la trattenuta ENAM, la CGIL si vanta dei ricorsi promossi con l’ANIEF per stabilizzare i precari. La Gilda e lo Snals, invece, dimenticano di aver favorito la riforma Brunetta, senza contrastarla adeguatamente.

E’ evidente che più si avvicina il voto e più diventa martellante la campagna elettorale. Ogni strumento è utile per convincere il collega a mantenere una casta sindacale che da vent’anni controlla il Paese ed è artefice di tutte le brutte riforme della scuola. Basta sfogliare i programmi elettorali e dimenticare quanto fatto fino ad oggi per rendersi conto delle povere idee, delle brutte copiature, delle vaghe promosse.

La CISL, finalmente, cede alla tentazione del ricorso in tribunale per sbloccare la questione delle reggenze dei vicari dopo aver accusato l’ANIEF di esserne stata la fabbrica: reclama più investimenti e più contrattazione dopo aver assistito inerme, senza scioperi generali o vertenze giudiziali, al taglio di posti di lavoro, di risorse e di prerogative sindacali. Anzi, ha persino firmato un’intesa, il 4 febbraio 2011, per applicare la riforma Brunetta dal prossimo CCNL, cancellando l’anzianità retributiva.

La UIL, invero, denuncia l’illegittima trattenuta dell’ENAM dopo il modello predisposto dall’ANIEF per la disdetta, accusa vagamente il decreto Brunetta senza avere mai scioperato, auspica buone relazioni sindacali in tema di incarichi, turni, responsabilità e compiti, dimenticando che, con l’intesa del 4 febbraio 2011, ha demandato tutto al dirigente scolastico. Chiede maggiori stipendi senza aver ricorso contro il blocco degli scatti e del contratto e incarichi pluriennali per i precari invece che la stabilizzazione dopo 36 mesi di supplenza come l’Europa ci impone.

La CGIL-FLC, almeno, si vanta di aver sbloccato le ultime 63.000 immissioni in ruolo dopo gli 8.000 (non 40.000) ricorsi annunciati a seguito delle analoghe, per merito e numeri, iniziative giudiziali dell’ANIEF, che assegnano ad ogni precario la stabilizzazione o 15.000 euro in risarcimento danni. Segue il giovane sindacato nella richiesta di una parità di trattamento tra personale precario e di ruolo, anche se l’ha disattesa sia nell’ultimo CCNL sia nel Regolamento elettorale RSU. Insieme all’ANIEF pure nella lotta contro l’abolizione del primo gradino stipendiale per i neo-assunti, ha agito contro lo scippo delle prerogative sindacali a livello giudiziale, voluto dal decreto Brunetta, ma ha accettato il rinvio per un triennio della misurazione della rappresentatività sindacale, non indicendo mai le elezioni.

La Gilda-FGU, di contro, si rivolge ai soli insegnanti come se il personale ATA non esistesse. Chiede il sostegno per continuare la sua azione politica-sindacale senza ricordarne i contenuti e i fatti, dopo non aver scioperato mai negli ultimi tre anni e aver ottenuto la proroga della rappresentatività. Diffida dal rivolgersi ai tribunali della repubblica, salvo organizzare contro-ricorsi contro i precari sostenuti dall’ANIEF per trasferirsi a pettine nelle graduatorie ad esaurimento, perdendo, di fronte al giudice delle leggi. Si appella al ruolo costituzionale del sindacato quale attore della firma dei contratti, senza aver mai agito contro il blocco del contratto; anzi, firma un accordo, il 4 agosto 2011, per privare i neo-assunti del primo gradone di anzianità. Chiede di utilizzare meglio il fondo d’istituto dopo aver accettato quella riforma Brunetta che demanda, nel nuovo CCNL, ai dirigenti la scelta dei criteri per il suo utilizzo.

Lo Snals, infine, lontano dai retorici annunci dei programmi elettorali punta tutto sulla affezione dei suoi iscritti e si affida all’intervista del suo segretario generale, estesa da Tecnica della Scuola anche al presidente dell’ANIEF. Il non più giovane sindacato denuncia la restrizione degli spazi per la contrattazione dovuta al decreto Brunetta, dimenticando che ha firmato l’intesa del 4 febbraio 2011 per la sua attuazione nel nuovo CCNL, quando i dirigenti potranno decidere l’organizzazione dell’orario di lavoro dei loro dipendenti (assegnazione ai plessi). Richiede genericamente l’aumento degli stipendi ai livelli medi europei per il personale della scuola, pur avendo reso possibile l’atto di indirizzo dell’ARAN del 17 febbraio 2011, sulla cancellazione dell’anzianità retributiva a partire dal 2014; dimentica il silenzio sul blocco degli stipendi stabilito dalla legge per il triennio 2010-2013.

Questi sono i programmi dei sindacati che per 20 anni hanno chiesto il tuo voto per rappresentarti. Cosa aspetti a cambiare? Consenti all’ANIEF di essere convocata insieme a loro: siamo certi che, con la nostra presenza, riusciremo a cambiare, in maniera decisiva, la loro azione. Siamo l’unico sindacato che può diventare rappresentativo, visto l’alto numero di deleghe attivo al 31 dicembre 2011. Il 5% tra il numero delle deleghe attive e il numero dei voti presi alle elezioni RSU rappresenta la soglia per sedere ai tavoli delle trattative per il triennio 2012-2015.

Laddove è presente la lista ANIEF, un tuo voto può essere decisivo per dare una speranza alla scuola, per garantire un’alternanza prima che i mercati internazionali ci privino della stessa facoltà di trattare. Laddove non è presenta la lista ANIEF, la tua astensione per protesta alla politica di questa casta sindacale abbassa pure il quorum dei votanti e aiuta l’ANIEF a divenire rappresentativa. Ricorda che il tuo voto per il candidato è un voto alla lista sindacale che lo rappresenta. E tu da chi vuoi essere rappresentato? Noi, mercoledì 22 ti presentiamo i nostri candidati nella tua provincia.

Programmi elettorali a confronto

Possono essere presentate le liste in quelle scuole chiuse per il maltempo nei giorni successivi all’8 febbraio, secondo le nuove indicazioni. La stessa domanda era stata posta, il 6 febbraio, dalle altre organizzazioni sindacali che hanno firmato, oggi, all’ARAN un’integrazione al protocollo elettorale del 14 dicembre. Alla fine ha prevalso il buon senso.

Grazie al pronto intervento dell’Anief, subito seguito dalla Confedir e dalle altre OO. SS., è stata accolta dall’Aran la richiesta di proroga di presentazione delle liste nelle sole scuole (e negli uffici pubblici) chiuse per il maltempo, per tanti giorni quanti quelli di chiusura tra il 20 gennaio e l’8 febbraio, proprio come avevamo sottolineato. I giorni si calcolano dal primo giorno utile di apertura, dopo la chiusura disposta, a partire dall’8 febbraio. Pertanto, in queste scuole, è ancora possibile presentare una lista ANIEF. Se sei di ruolo e vuoi candidarti, contatta con urgenza per mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o per telefono al numero 091 6452827.

La pagina da cui scaricare il modello di presentazione della lista (che deve essere sottoscritto dal 2% dei lavoratori di ruolo o supplenti al 30 giugno o 31 agosto), il modello di delega del presidente nazionale (da firmare in originale), gli attestati ARAN da allegare

L’integrazione al protocollo del 14 dicembre 2011

La richiesta dell’Anief

A causa del maltempo, molte scuole sono state chiuse da venerdì fino a martedì. Pertanto, nel rispetto di quanto previsto dal protocollo del 14 dicembre 2011, il giovane sindacato, impegnato nella campagna elettorale, chiede una proroga per la presentazione delle liste nelle stesse scuole pari ai giorni di chiusura.

A questo punto, infatti, sarebbe utile soltanto il giorno di mercoledì 8 febbraio come data ultima per la presentazione delle liste.

Leggi la lettera inviata

SETTORE RSU ANIEF

I CONTATTI RIPORTATI IN QUESTA PAGINA SONO DESTINATI ESCLUSIVAMENTE ALLE RSU ANIEF

PER INFORMAZIONI E CONSULENZA I SOCI DOVRANNO UTILIZZARE I CONTATTI DELLA SEGRETERIA NAZIONALE E DELLE SEDI TERRITORIALI

Consulenza e-mail

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Consulenza telefonica settore RSU

 
Lunedì
Martedì
Mercoledì
Giovedì
Venerdì
Sabato 
Prof. Giovanni
Portuesi 
Cell. 3281673121                    
 
9-13   
 
9-13          
 
9-13   
 
 
9-13                
 
9-13    
                         
Prof. Stefano
Cavallini            
Cell. 3277970638                
 
14-18              
 
14-18             
 
14-18          
14-18
 
14-18              
9-11
 

In alternativa: supporto giornaliero alla consulenza e al pronto intervento curato dalla Segreteria nazionale - settore RSU, coordinato dalla prof.ssa Maria Cettina Conte (fax 091 6455845 - e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - tel. 091 6452827) dal lunedì al venerdì ore 8:30-18:30.

ALTRI SERVIZI RSU

Forum dedicato vai al Forum RSU

 di formazione RSU (Palermo 13 dicembre 2013) vai al Seminario

Seminario di formazione RSU (Cefalù -PA- 20-21 aprile 2012) vai al Seminario

Seminario di formazione RSU (Arborea -OR- 19-22 luglio 2012) vai al Seminario

Le istruzioni per accedere al forum dedicato e al seminario di formazione Rsu sonoriservate alle Rsu accreditate. Per qualsiasi problema tecnico scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Cosenza

24 febbraio dalle 16.30 alle 18.30 presso studio Mendicino Longo in Via Serra, 125 - Cosenza

Napoli

23 febbraio ore 16:00- 17:00 presso I.T.N. Duca degli Abruzzi – via di Pozzuoli, 5 - Napoli

Caserta

23 febbraio ore 18.00 - 19.00 presso lo sportello Anief, Studio Legale Abbate - via Mazzocchi 143 S.Maria C.V. (CE) 

Avellino e Salerno

27 febbraio ore 15:00 - 16:30 presso ITAS "S. Caterina da Siena" Via Smaldone, snc - Salerno

 

 

0 0 1 12 72 ANIEF - Palermo 1 1 83 14.0 Normal 0 14 false false false IT JA X-NONE

 

Roma
24 febbraio ore 16:00 presso la sede CONFEDIR
Largo dell'Amba Aradam, 1

Frosinone
21 febbraio ore 15:00 presso il Patronato Fenalca
Via Isonzo n.5 - Frosinone

Latina
I coordinatori incontreranno i candidati presso le rispettive scuole

Viterbo
I coordinatori incontreranno i candidati presso le rispettive scuole

Rieti
I coordinatori incontreranno i candidati presso le rispettive scuole

Messina

 

 

 

22 febbraio ore 16:00 - 18:00 IIS Minutoli presso sede associata Istituto Quasimodo -  Fondo Fucile Contrada Gazzi Messina

24 febbraio  ore 16:00 - 18:00 IIS Minutoli presso sede associata Istituto Quasimodo -  Fondo Fucile Contrada Gazzi Messina

 

 

 

Palermo

22 febbraio ore 16:00 – 18:00 presso Istituto "Mario Rutelli", Piazza Gian Giacomo Ciaccio Montalto, n. 3 - Palermo

Catania

22 febbraio ore 16:00 – 18:00 presso I.T.I. "S. Cannizzaro", via C. Pisacane, 1 - Catania  annullato causa maltempo

Trapani

23 febbraio ore 16:00 – 18:00 presso IPSSAR "V. e I. Florio", via Barresi, 26 - Erice (Casa Santa) (TP)

Agrigento


24 febbraio ore 16:00 - 18:00  presso I. C."Garibaldi" Via Diodoro Siculo, Agrigento

 

 

 

Contatti dei Coordinatori d’area settore RSU.

Per eventuali informazioni o consulenze rivolgersi al Coordinatore di

       area di appartenenza o alla Segreteria tecnica che provvederà ad inoltrare il quesito:

 

Responsabile Campagna nazionale RSU

Alessandra Cannizzaro – Coordinatore Campagna RSU - tel. 3270231029 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Coordinatori d’Area:

Marco Giordano – Coordinatore RSU Area Nord (Piemonte, Liguria, Lombardia, FVG, Veneto, E. Romagna) - 3277970636 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Gianmauro Nonnis – Coordinatore RSU Area Centro (Toscana, Marche, Abruzzo, Lazio, Sardegna, Umbria) - 327.7970642 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Stefano Cavallini – Coordinatore RSU Area Sud (Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia) - 327.7970638 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Giovanni Portuesi Coordinatore RSU Area Sicilia - 328.1673121 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Segreteria nazionale Settore RSU (da lun. a ven.  ore: 8.30 – 18.30)

Alessandra Cannizzaro – Coordinatore Settore RSU - tel. 3270231029 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 393.8279610/ 091/7098360

 

Le consulenze in presenza presso la Segreteria nazionale saranno effettuate previo appuntamento telefonico (393 8279610).

  Iscriviti alla nostra pagina RSU Anief

Pagina 5 di 18