contatti

Veneto

ANIEF VENETO - Assemblee sindacali in orario di servizio - maggio 2021

Riprendono le assemblee territoriali per la regione Veneto.
Le assemblee sono rivolte ai lavoratori, di ruolo e a tempo determinato, delle diverse province ed è possibile richiedere l'esonero dal servizio per una delle due date proposte.
Per informazioni è possibile contattare la segreteria regionale chiamando dalle 09.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30 il numero 0458204304
Clicca su "leggi tutto" per scaricare le locandine.

VERONA
6 MAGGIO DALLE 08.30 ALLE 10.30 relatore Marcello Pacifico
10 MAGGIO DALLE 08.00 ALLE 10.00

BELLUNO-VENEZIA
5 MAGGIO DALLE 08.00 ALLE 10.00
12 MAGGIO DALLE 08.00 ALLE 10.00

VICENZA
7 MAGGIO DALLE 08.00 ALLE 10.00
14 MAGGIO DALLE 08.00 ALLE 10.00

TREVISO
3 MAGGIO DALLE 08.00 ALLE 10.00
13 MAGGIO DALLE 08.00 ALLE 10.00

ROVIGO -PADOVA
4 MAGGIO DALLE 08.00 ALLE 10.00
11 MAGGIO DALLE 08.00 ALLE 10.00
STRUTTURA TERRITORIALE NEWS

Presidente regionale

RITA FUSINATO

 

0458204304 - 0459235056 [Consulenza tel. dal lun al ven 15.30-18.30]

Vice Presidente regionale

PATRIZIO DEL PRETE

 

3666144826


REFERENTI

Contenzioso

MARIA GIUNTA

 

3371182975

 

AFAM

FEDERICA FOGLIA

 

 

ATA

ROBERTO VELLA

 

3661352858 - Consulenza telefonica Lun. e Mart. dalle 17.00 alle 19.00 ven. dalle 16.00 alle 18.00

 

Verona

Presidente provinciale

PATRIZIO DEL PRETE

 

3666144826 [[consulenza telefonica dal lunedì al venerdì dalle 16.00 alle 18.00]]

Vice Presidente provinciale

_ _

 


COLLABORATORI

LAURA CASSANTA

GIANPIETRO TERMINI

3771785107

[consulenza telefonica lunedì mercoledì venerdì dalle 16.00 alle 18.00]

Venezia

Presidente provinciale

RITA FUSINATO

 

0458204304 [consul.tel dal lun al ven 15.30 - 18.30]

Vicenza

Presidente provinciale

CAROLA CIPOLLINA

 

3453302370


COLLABORATORI

FABIO LO PRESTI

3453302370

GIANPIETRO TERMINI

3771785107

[consulenza telefonica lunedì mercoledì venerdì dalle 16.00 alle 18.00]

ROBERTO VELLA

3661352858

consulenza telefonica: lunedì dalle 17.00 alle 19.00 martedì dalle 17.00 alle 19.00 venerdì dalle 16.00 alle 18.00

Padova

Presidente provinciale

ALAN CACCIN

 

3938550501

[Consulenza telefonica lunedì e venerdì dalle 10.30 alle 12.30 e martedì mercoledì giovedì dalle 16.30 alle 18.30]


COLLABORATORI

GIAMPAOLO ROSSI

GIACOMO STOCCO

ROBERTO VELLA

3661352858

Consulenza telefonica Lun. e Mart. dalle 17.00 alle 19.00 ven. dalle 16.00 alle 18.00

Belluno

Presidente provinciale

LUCILLA ROVETTO

 

3357122949

[Consulenza telefonica dal lunedì al venerdì dalle 15.00 alle 17.00]

Rovigo

Presidente provinciale

RITA FUSINATO

 

0458204304 [consulenza telefonica dal lun al ven 15.30 - 18.30]


COLLABORATORI

PIERANGELA VESENTINI

3517023350

[Consulenza telefonica mercoledì e giovedi dalle 17.00 alle 19.00]

Treviso

Presidente provinciale

MARIA GIUNTA

 

3371182975

[consulenza telefonica dal martedì al venerdì dalle 16.00 alle 18.00]


COLLABORATORI

LUIGIA RONZANI

[consulenza telefonica martedì dalle 10.00 alle 12.00, giovedì dalle 10.00 alle 12.00]

GIUSEPPE ARCURI

[consulenza telefonica lunedì 15.30 - 17.30]

Prende corpo l’ipotesi di riforma pensionistica che permetterebbe l’uscita dal lavoro a 62 anni con 30 anni di servizio, lanciata nelle ultime settimane da Graziano Del Rio capogruppo del Partito Democratico alla Camera, non molto distante dalla Quota 92 a cui aveva pensato già a suo tempo Tommaso Nannicini. Il pensionamento a 62 anni con 30 anni di contributi potrebbe essere una soluzione alternativa per andare incontro a chi per pochi mesi non raggiunge l’accesso alla quota 100, ma è da sottolineare che la soluzione sarebbe a favore solo di lavoratori maggiormente svantaggiati. Inoltre, dovrebbe prevedere anche una penalizzazione di cui ancora si sta discutendo che potrebbe andare da un taglio percentuale sulla pensione per ogni anno di anticipo (si sta parlando di un 3% l’anno) a un ricalcolo interamente contributivo della pensione spettante. Il danno quindi nell’assegno di quiescenza sarebbe notevole.

Anief ritiene che i lavoratori della scuola dovrebbero essere coinvolti nel prepensionamento a 62 anni, senza però penalizzazioni: parliamo infatti di personale che dopo 30 e più anni servizio ho pieno diritto di lasciare il servizio perché in alta percentuale vittima di burnout, con disturbi e patologie più o meno conclamate. “Non è un caso – dice Marcello Pacifico, presidente Anief - che il nostro sindacato continui a chiedere l’introduzione del rischio biologico negli stipendi, proprio perché ben superiore ad altre categorie professionali. Non si comprende per quale motivo debba ritrovarsi con pensioni poco superiori alla sociale, dopo tanti anni di lavoro rivolti alla formazione dei giovani in cambio pure dei compensi che figurano tra i più bassi d’Europa. Senza dimenticare che continuiamo ad avere la classe insegnante più vecchia al mondo: basta con gli attendismi, il pensionamento anticipato nella scuola deve diventare la regola e non l’eccezione”.
Leggi il comunicato integrale.

Nel decreto legge ‘Sostegni’ approvato ieri sera dal Consiglio dei ministri c’è anche la norma sulla migliore gestione dell’emergenza che giustifica l’assenza dei lavoratori per la somministrazione del vaccino contro il Covid-19: la novità, dunque, non determinerà più alcuna decurtazione del trattamento economico, né fondamentale né accessorio, al personale docente, educativo, amministrativo, tecnico e ausiliario delle istituzioni scolastiche. Il sindacato Anief plaude alla decisione del Governo Draghi, fermo restando la necessità di fare chiarezza sulle dosi AstraZeneca destinate al personale della scuola.

“È stata approvata dai ministri una norma di civiltà – dice il presidente Marcello Pacifico - perché il dipendente che si vaccina volontariamente compie un atto di cui beneficiano tutti e non può essere penalizzato. A questo punto, però, chiediamo che la giustificazione dell’assenza venga estesa a tutti i 650 mila docenti e Ata che hanno già fatto il vaccino e che si accingono a farlo nei prossimi giorni, prima che la disposizione divenga esecutiva. Altrimenti, ne beneficerebbe solo una parte minoritaria. Inoltre, il nostro sindacato continua a ritenere inappropriata e ingiustificata la legge che tassa il lavoratore pubblico in caso di assenza per malattia: un obolo che non ha motivo di esistere. Come ritiene del tutto immotivato l’obbligo di vaccinare il personale nella regione di residenza: perché obbligare tanti lavoratori della scuola a mettersi in viaggio per vaccinarsi? Non possono essere i singoli governatori a trovare la soluzione”.
Leggi il comunicato integrale.

Il decreto legge ‘Sostegni’ approvato ieri sera dal Consiglio dei ministri porterà direttamente alla scuola 300 milioni di euro, ma nessuna norma per abolire il vincolo quinquennale che continua a costringere tanti insegnanti e Ata a lavorare lontano da casa pur in presenza di posti molti più vicini ai loro affetti. Anief non si arrende e attraverso il suo presidente nazionale Marcello Pacifico annuncia che farà presentare “una serie di emendamenti allo stesso decreto che ora dovrà passare per le commissioni e poi nelle aule parlamentari. Ci sono diversi politici della maggioranza che la pensano come noi e oggi lo hanno ribadito. Abolire il blocco sulla mobilità del personale di ruolo, come assumere a tempo indeterminato i precari con oltre 36 mesi, reintrodurre i posti tagliati dal dimensionamento, confermare l’organico Covid, cancellare la condizione di fragilità dal computo della malattia, sono delle norme indispensabili se si vuole cambiare pagina e ripartire il prima possibile con una scuola all’altezza della situazione. Cambiare solo a parole, a noi non interessa. Cominciamo con il togliere i vincoli senza senso agli spostamenti del personale”.
Leggi il comunicato integrale.

Graduatorie personale ATA terza fascia: pubblicato il decreto ministeriale e la nota per riapertura e aggiornamento per il triennio 2021/22. Le domande potranno essere presentate tramite Istanze online dal 22 marzo, tutte le istruzioni per accedere. I requisiti di accesso, i titoli valutabili, cosa bisogna sapere. Le FAQ.

Dal 1° settembre prossimo nei nostri istituti avremo 1.000 posti in più per il potenziamento nella scuola di infanzia e 5.000 posti di sostegno in più distribuiti fra i vari gradi, mentre saltano i 75mila docenti e Ata contenuti nell’“organico Covid” introdotto nell’anno in corso per fare fronte all’emergenza pandemica. I numeri sono stati presentati dal ministero dell’Istruzione ai sindacati assieme alla bozza sugli organici del personale docente. Quello che fa scalpore è che l’organico “di emergenza” non solo non entra in organico di diritto, come chiesto dal sindacato, ma sembra uscire addirittura di scena. “Non diventa parte dell’organico, neanche di fatto. Si presume che la stessa decisione sarà assunta anche nei confronti del personale ATA”, scrive oggi la stampa specializzata.
Leggi il comunicato integrale.

Il “Regolamento di accesso civico” individua gli obblighi di pubblicità e trasparenza che la Scuola è tenuta ad assolvere al fine di assicurare l’accessibilità totale delle informazioni, concernenti la propria organizzazione e la propria attività, allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche

Leggi l'articolo originale.


Sarebbe inutile cambiare la fine dell’anno scolastico spostandola al termine del prossimo mese di giugno perché il ritardo di competenze non si risolve aumentando di venti giorni le lezioni: le parole pronunciate dal ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, riempiono d’orgoglio il sindacato Anief. Il suo presidente nazionale, Marcello Pacifico, ricorda: “Il ministro ci ha ascoltato, perché sull’ipotesi di protrarre le lezioni sino alla fine di giugno 2021, Bianchi sembra saggiamente allargare la problematica su ambiti ben più complessi. Sembra avere seguito, dunque, la nostra richiesta di evitare una ‘coda’ pesantissima di giorni di lezioni, che non raggiungerebbe i risultati attesi”.
Leggi il comunicato integrale.

Dopo l’incontro della scorsa settimana con il ministro per la Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, e il Patto sottoscritto anche con il presidente del Consiglio, Mario Draghi, stamane le confederazioni del pubblico impiego hanno avviato il confronto con il nuovo ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi per siglare un patto su istruzione e formazione: si è parlato, tra le altre cose, dell’organico dei docenti del prossimo anno scolastico, per il quale Anief si aspetta la conferma dei 60 mila docenti Covid e la loro collocazione in organico di diritto, la cancellazione dell’organico di fatto e un incremento di cattedre per affrontare l’emergenza pandemica e cancellare una volta per tutte le classi pollaio. Il ministro, pur rispettando ovviamente il ruolo che hanno l'ARAN e i sindacati su questo argomento, ha tenuto ad evidenziare come il rinnovo del contratto sia un tema sempre più fondamentale per assicurare la dignità delle persone che lavorano nella scuola: peccato che qualcuno paventi aumenti inferiori rivolti proprio a chi lavora nella scuola, poiché vi sarebbe da coprire la perequazione. Una ipotesi che non trova fondamento nei calcoli del giovane sindacato.

“Poiché l’elemento perequativo è aggiuntivo e strutturale rispetto all’aumento contrattuale, significa che col rinnovo del Ccnl si avranno 150 euro lordi medi, quindi 100 euro nette a lavoratore”, sostiene Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, che non comprende i motivi del trattamento peggiorativo che verrebbe riservato a docenti e Ata della scuola. Poi il sindacalista aggiunge: “Se è vero che il passaggio dal 3,48% del precedente rinnovo all’attuale 4,07% è positivo ma non può bastare a recuperare 14 punti di inflazione persi, è anche vero che non condividiamo la teoria di chi ipotizza 20 euro medi in meno da assegnare al dipendente della scuola. Riteniamo che l’aumento, da sottoscrivere pure con le organizzazioni sindacali rappresentative di categoria, debba essere almeno lo stesso degli altri statali. Ricordiamo che i compensi annui di chi lavora nelle nostre scuole sono 10 mila euro annui più bassi rispetto a quelli della media Ue. Per questo va adottato il principio del salario minimo, assieme alla diaria giornaliera di 10 euro per quel rischio biologico accertato scientificamente e che il Covid19 ha messo ancora più a nudo. In generale – ha detto Pacifico - il rinnovo del contratto dovrà prevedere una formazione ripensata come attività lavorativa, intesa come opportunità e non certo un costo”.
Leggi il comunicato integrale.

“Bisogna mettere la scuola al centro del Paese”: su questo concorda la Cisal, come ha ribadito il segretario confederale Marcello Pacifico. Nelle prossime due settimane partiranno tavoli di approfondimento allargati ai rappresentanti sindacali di comparto su sistema di istruzione, personale, scuola oggi al tempo del Covid e disparità regionali. Dopo Pasqua, il testo concordato dovrebbe impegnare anche il Governo e il Parlamento.

Ha preso il via il confronto dei rappresentanti delle confederazioni dei lavoratori del pubblico impiego con il nuovo ministro dell’Istruzione dopo l’incontro svolto con il ministro della funzione pubblica: al centro dell’incontro l’idea di siglare un patto per far ripartire il Paese dalla scuola. Per Cisal gli assi fondamentali da sviluppare sono la ripartenza in sicurezza, la ridefinizione degli organici, una nuova politica di reclutamento che riconosca l’esperienza di migliaia di precari del sistema nazionale di istruzione, il rinnovo del contratto con una formazione ripensata come attività lavorativa, opportunità e non un costo, un ripensamento dell’obbligo scolastico e delle regole sui trasferimenti del personale.
Leggi il comunicato integrale.

Pagina 4 di 19

Sportello straordinario Data Luogo Dettagli
CONSULENZA MOBILITA' Date multiple BL >>
CONSULENZA MOBILITA' Date multiple PD >>
CONSULENZA MOBILITA' Date multiple VR >>

Vedi tutti gli sportelli della regione

Evento Data Luogo Dettagli
Assemblea sindacale personale ATA VENETO 20/05/2021 20-05-2021 >>
ASSEMBLEA SINDACALE TREVISO 13-05-2021 TV >>
ASSEMBLEA SINDACALE VERONA 10-05-2021 VR >>
ASSEMBLEA SINDACALE VICENZA 14-05-2021 VI >>

SEDE REGIONALE

Sede di Verona

Tel. 0458204304 segreteria.veneto@anief.net

Via Francia, 5/d, 37135 Verona VR

Si riceve solo su appuntamento dal lun al ven dalle 15.30 alle 18.30 Consulenza telefonica dalle dal lunedì al venerdì dalle 09.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30 contattare il numero 0458204304

LE NOSTRE SEDI NELLA REGIONE

SEDI PROVINCIALI

Sportello di Belluno

Tel. 3357122949

Si riceve solo su appuntamento. Consulenza telefonica dal lunedì al venerdì dalle 15.00 alle 17.00 Data l'emergenza Covid-19 per le consulenze potete utilizzare Skype fino a nuove disposizioni. Nome skype: AniefBelluno

Sede di Padova

Tel. 3938550501 (consulenza telefonica lunedì e venerdì dalle 10:30 alle 12:30 e martedì mercoledì e giovedì dalle 16.30 alle 18.30)

C/o Dakota Center, Corso Milano, 103 Padova (PD)

Si riceve solo su appuntamento. Momentaneamente attiva consulenza via Skype - Nome skype: AniefPadova

Sportello di Rovigo

Tel. 3517023350 [Consulenza telefonica mercoledì e il giovedì dalle 17.00 alle 19.00]

Si riceve solo su appuntamento. Data l'emergenza Covid-19 per le consulenze potete utilizzare Skype fino a nuove disposizioni. Nome skype: AniefRovigo

Sportello di Castelfranco Veneto (TV)

Tel. 3371182975

C/o Coffice - Piazza della Serenissima, 40, 31033 Castelfranco Veneto TV

Si riceve solo su appuntamento.

Sportello di Mestre (VE)

Tel. 0458204304

CO-Working Mestre, via Torino 107-135

Per fissare un appuntamento chiamare dal lun al ven dalle 15.30 alle 18:30 allo 0458204304 o via mail scrivendo a segreteria.veneto@anief.net

Sportello di Vicenza

Tel. 3453302370

Coworking Studio Centro Veneto Via G. B. Imperiali, 77 36100 Vicenza

Per appuntamenti scrivere a vicenza@anief.net o chiamare il 3453302370. Consulenza telefonica dal lunedì al venerdì ore: 15.00 - 17:00 Per le consulenze è attivo Skype: AniefVicenza

Sede di Verona

Tel. 0458204304 segreteria.veneto@anief.net

Via Francia, 5/d, 37135 Verona VR

Si riceve solo su appuntamento dal lun al ven dalle 15.30 alle 18.30 Consulenza telefonica dalle dal lunedì al venerdì dalle 09.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30 contattare il numero 0458204304