contatti

Veneto

STRUTTURA TERRITORIALE NEWS

Presidente regionale

RITA FUSINATO

 

Vice Presidente regionale

PATRIZIO DEL PRETE

 

3666144826 [consulenza telefonica lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15.30 alle 18.00]


REFERENTI

Contenzioso

MARIA GIUNTA

 

3371182975

 

consulenza telefonica dal martedì al venerdì dalle 16.00 alle 18.00

AFAM

FEDERICA FOGLIA

 

 

ATA

ROBERTO VELLA

 

3371182990 - Consulenza telefonica Lun. e Mart. dalle 17.00 alle 19.00 ven. dalle 16.00 alle 18.00

 

Verona

Presidente provinciale

PATRIZIO DEL PRETE

 

3666144826 [[consulenza telefonica lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15.30 alle 18.00]]

Vice Presidente provinciale

_ _

 

Venezia

Presidente provinciale

RITA FUSINATO

 

Consulenza telefonica e in presenza nei seguenti giorni e orari: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15:30 alle 18:00. Contattare il numero 0458204304

Vicenza

Presidente provinciale

RITA FUSINATO

 

3453302370

Consulenza telefonica martedì, giovedì e venerdì 15.30 - 17.30


COLLABORATORI

ROBERTO VELLA

3371182990

consulenza telefonica: lunedì dalle 17.00 alle 19.00 martedì dalle 17.00 alle 19.00 venerdì dalle 16.00 alle 18.00

Padova

Presidente provinciale

ALAN CACCIN

 

3938550501

[Consulenza telefonica lunedì e venerdì dalle 10.30 alle 12.30 e martedì mercoledì giovedì dalle 16.30 alle 18.30]


COLLABORATORI

GIAMPAOLO ROSSI

ROBERTO VELLA

3371182990

Consulenza telefonica Lun. e Mart. dalle 17.00 alle 19.00 ven. dalle 16.00 alle 18.00

ZAIRA PAROLO

Belluno

Presidente provinciale

LUCILLA ROVETTO

 

3357122949

[Consulenza telefonica dal lunedì al venerdì dalle 15.00 alle 17.00]

Rovigo

Presidente provinciale

DOMENICO SODANO

 

3500754298 [consulenza telefonica lun. merc. e ven. 16.00 - 18.00]


COLLABORATORI

PIERANGELA VESENTINI

[Consulenza telefonica mercoledì e giovedi dalle 17.00 alle 19.00]

Treviso

Presidente provinciale

MARIA GIUNTA

 

3371182975

[consulenza telefonica dal martedì al venerdì dalle 16.00 alle 18.00]


COLLABORATORI

LUIGIA RONZANI

[consulenza telefonica martedì dalle 10.00 alle 12.00, giovedì dalle 10.00 alle 12.00]

GIUSEPPE ARCURI

[consulenza telefonica lunedì 15.30 - 17.30]


Il Ministero dell'Istruzione ha fornito suggerimenti in merito la formazione di personale per la realizzazione di interventi strategici del sistema integrato zerosei
A seguito dell'assegnazione di risorse finanziarie per la progettazione di iniziative formative riportate nella nota n. 37638 del 30 novembre 2021, il Ministero dell'Istruzione, con circolare n. 78 del 20 gennaio 2022, ha fornito alcuni importanti suggerimenti per la realizzazione di percorsi formativi collegati ai nuovi documenti per il sistema integrato zerosei.
Leggi l'articolo integrale.


Un docente assunto a tempo indeterminato nell’a.s. 2015/2016 assistito e difeso dagli Avv.ti Maria Maniscalco, Walter Miceli Fabio Ganci e Nicola Zampieri, ottiene € 4.522,30 per gli scatti di anzianità mai riconosciuti durante il lungo periodo di precariato, oltre all'applicazione della clausola di salvaguardia prevista dal CCNL del 19/7/2011 anche se immesso in ruolo successivamente al 2011 con il relativo computo e riconoscimento delle connesse progressioni economiche e la condanna del Ministero dell'Istruzione alle spese di soccombenza, per un totale che supera i 10.000 Euro.
Leggi il comunicato integrale.


“Scuola al centro del Paese”: sono queste le parole di Marcello Pacifico, leader Anief, intervenuto oggi nel corso della conferenza stampa a cura dei parlamentari Francesco Verducci e Matteo Orfini sulla presentazione di due disegni di legge sulla scuola. Presenti i principali sindacati del mondo dell’istruzione.

Nel corso dell’incontro Pacifico ha affermato che “finalmente la scuola è al centro del dibattito, bisognerebbe parlare però dei problemi. I docenti, gli Ata, i ds e i figli degli italiani vanno a scuola, bisogna affrontare le varie problematiche, è doveroso. Intanto parliamo del dimensionamento scolastico: la scuola non è il salvadanaio del debito italiano pubblico, ma il luogo dove dover investire”.
Leggi il comunicato integrale


Ad anno scolastico ormai avviato si ripresenta, nonostante le rassicurazioni del Ministero, la questione del pagamento dei supplenti brevi e dei supplenti COVID i cui stipendi sono fermi ad ottobre. Anief ha ricevuto numerose segnalazioni di supplenti – sia docenti che personale ATA - che non hanno ancora ricevuto i pagamenti di novembre e dicembre 2021.
Leggi il comunicato integrale.


Uno dei sistemi per prevenire il Covid a scuola è la ventilazione forzata nelle aule: lo dice La Repubblica, riportando studi nazionali (Università di Brescia e di Cassino) e internazionali (la scienziata polacca Lidia Morawska), dai quali risulta che l’aerazione meccanica “è un'efficace arma per difendere studenti e docenti dal Sars Covid-19, allargato nelle classi affollate attraverso l'effetto aerosol”. Invece, almeno in Italia la ventilazione forzata è stata installata in appena 200 scuole: negli altri 8mila istituti della Penisola l’unica soluzione per contrastare il ristagno di aria è quella di tenere perennemente le finestre aperte, anche quando, come in questi giorni, fuori si gela: solo che gli stessi studi nazionali e non hanno appurato che “gli impianti di ventilazione forzata tre volte più efficaci delle finestre aperte”.
Leggi il comunicato integrale.

Rinnovo Rsu, Anief: pubblicato l’elenco delle sedi dove ad aprile voteranno un milione di docenti e Ata

Il ministero dell’Istruzione ha pubblicato da poche ore l’elenco completo delle 8.160 sedi dove si svolgeranno, dal 5 al 7 aprile prossimi, le elezioni per individuare le nuove Rsu della scuola pubblica del triennio 2021/24. A partecipare, come elettori, saranno chiamati circa un milione di dipendenti tra insegnanti e personale Ata: le liste con le candidature si presenteranno a partire dal prossimo 1° febbraio.

Leggi l'articolo integrale.

Con la Legge di Bilancio 2022 Anief ha ottenuto 1.000 euro per 3mila insegnanti della scuola pubblica che operano in istituti collocati in sedi disagiate, quali sono le piccole isole. Adesso, il sindacato chiede che l’indennità venga estesa anche al personale Ata, educativo e a chi lavora nelle zone montane e in ogni caso a chi è in servizio lontano dalla propria residenza: una richiesta che già il sindacato aveva presentato formalmente con 11 emendamenti alla Legge di Bilancio 2022.

L’obiettivo è contenuto anche nella Piattaforma contrattuale predisposta dal giovane sindacato in vista delle elezioni Rsu 2021, in programma nel prossimo mese di aprile. Il tema delle indennità mancate e per le quali l’organizzazione sindacale si batterà nel 2022, sarà anche tra quelli trattati nel corso dei seminari di legislazione scolastica (“dalla Legge Sostegni bis alla Legge di Bilancio 2022”) che il sindacato da lunedì, fino al 31 gennaio, avvierà anche su piattaforma teams per confrontarsi sul dibattito.

in media da 1.000 a 40.000 euro, con punte di centinaia di migliaia di euro sottratti.

In Italia anche nell’ultimo anno gli insegnanti di sostegno sono aumentati di numero, facendo ancora più sentire la mancanza di tanti docenti specializzati. A sostenerlo è l’Istat, attraverso il Report “L’inclusione scolastica degli alunni con disabilità”, che si pone l’obiettivo di rilevare le risorse, le attività e gli strumenti di cui si sono dotati i singoli plessi scolastici per favorire l'inserimento scolastico degli alunni disabili: dallo studio nazionale risulta “che nell’anno scolastico 2020/2021 i docenti di sostegno in servizio nelle scuole italiane sono stati oltre 191mila – poco più di 184mila nella scuola statale (fonte Miur) e circa 7mila nella scuola non statale (fonte Istat) - in crescita di oltre 8mila rispetto all’anno scolastico precedente (+4,4% registrato quasi esclusivamente nella scuola statale)”.



In media, almeno uno ogni tre insegnanti di sostegno che hanno affiancato uno o più alunni disabili per tutta o una parte dell’anno non sono specializzati: una percentuale che al Nord diventa quasi di un insegnante su due. In tutto i prof non specializzati sono oltre 65mila. Rimane da risolvere il problema della copertura immediata di tutte le cattedre: oltre il 20% rimangono vuote almeno fino a metà ottobre, arrivando ad assegnare il supplente annuale con grave ritardo rispetto all’inizio dell’anno scolastico.
Leggi il comunicato integrale.


Aspiri al ruolo di Dirigente scolastico? Per raggiungere un nuovo traguardo professionale è necessario prepararsi con largo anticipo ed acquisire le numerose conoscenze e competenze che servono per fare la differenza nelle prove selettive.

Il Ministero dell’istruzione ha diffuso alcune settimane fa, attraverso un’informativa, alcune anticipazioni in merito al prossimo concorso per dirigenti scolastici

Il reclutamento sarà su base regionale, non nazionale come l’ultimo bandito nel 2017. L’obiettivo è avere le graduatorie pronte per le assunzioni del 2023/24.

Sarà un concorso selettivo per titoli ed esami; la novità eclatante è che non saranno più previsti il corso di formazione ed il tirocinio. In altre parole, chi vincerà la procedura, sarà immediatamente un Dirigente scolastico; naturalmente l’anno di prova è confermato e non ha nulla a che vedere con il corso/tirocinio.

Tutto ciò lo si deduce dall’articolo 2, comma 1, lett a) del Decreto Legge n. 126/2019.



Il 13 dicembre abbiamo trasmesso il webinar “In arrivo il nuovo concorso per Dirigenti Scolastici - Management, dirigenza e leadership nella scuola dell'autonomia”
Continua a leggere.

Si comunica che dal 17 gennaio 2022 i nuovi giorni ed orari di risposta telefonica per la provincia di Vicenza sono i seguenti:
martedì, giovedì e venerdì dalle 15:30 alle 17:30.
Rimangono attivi l'indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e il numero di telefono 3453302370.

Nuovo appuntamento con i seminari di legislazione scolastica organizzati da Anief.
Prossima data per il Veneto:

- lunedì 24 gennaio dalle ore 8:00 alle ore 11:00

Il seminario è rivolto al personale scolastico e dà diritto all'esonero dal servizio (previa richiesta al dirigente ed espressa concessione).

E' possibile scaricare la locandina con il link per la registrazione all'evento.

Argomenti trattati:
*Organici
* Contrattazione
* Reclutamento
* Sicurezza
* Obbligo vaccinale
* Mobilità
* Pensioni
* Indennità
* Formazione
* Sostegno e Pei
* Educazione Motoria Scuola Primaria

I termini di adesione dei seguenti ricorsi, promossi da Anief, Radamante ed UDIR, sono prorogati di alcuni giorni.
E' possibile ancora aderire previa registrazione a portale ed iscrizione.

ANIEF
TAR - RICORSO CONTRO OBBLIGO VACCINALE PERSONALE SCOLASTICO - scadenza 10/01/2022
https://anief.org/ricorsi/obbligo-vaccinale/ricorso?id=1256:ricvaccino&cid=142:obbligo-vaccinale


GDL - RICORSO CONTRO LE SOSPENSIONI DA OBBLIGO VACCINALE - scadenza 30/01/2022
https://anief.org/ricorsi/obbligo-vaccinale/ricorso?id=1257:sospensioni-obbligo-vaccinale&cid=142:obbligo-vaccinale


RADAMANTE
TAR - RICORSO CONTRO OBBLIGO VACCINALE PER TUTTE LE CATEGORIE - scadenza 10/01/2022
https://radamante.org/index.php?option=com_anief&view=ricorso&id=49:ricorso-contro-obbligo-vaccinale-per-tutte-le-categorie-di-lavoratori&cid=69:obbligo-vaccinale&Itemid=983


UDIR
TAR - RICORSO CONTRO OBBLIGO VACCINALE DIRIGENTI SCOLASTICI - scadenza 10/01/2022
https://www.udir.it/iscrizione-ricorsi/ricorso-contro-obbligo-vaccinale-dirigenti-scolastici.html?view=ricorso&id=44:ricorso-obbligovac-ds&cid=78:obbligo_vaccinale

Copia ed incolla o clicca sul link dedicato

Il 2021 è alle spalle: è stato un anno difficile, contrassegnato ancora da Covid, con le scuole costrette a ricorrere spesso alla didattica a distanza, ma soprattutto con il Governo che non è stato in grado di mettere nelle condizioni migliori i docenti e il personale scolastico per garantire le lezioni in presenza.
Anief nel corso degli ultimi 12 mesi ha fatto tutto quello che era nelle sue possibilità per pungolare il legislatore nell’assicurare una didattica comunque di qualità, ma anche per difendere i diritti dei lavoratori, docenti e Ata, precari e di ruolo, che mai come in questo periodo di pandemia hanno pagato il conto di norme sbagliate e di un contratto di categoria da rivedere in molte parti.
Leggi l'articolo integrale.


Il Ministero dell'Istruzione ha fornito alle scuole le prime indicazioni relative alla proroga dei contratti dei docenti e ATA assunti in più per la gestione dell'emergenza sanitaria.
il Ministero dell'Istruzione ha inviato alle Istituzioni scolastiche la nota n. 1376 del 28 dicembre 2021 con le prime indicazioni relative alla proroga dei contratti dell’organico docente e ATA assunto in più, a settembre, per la gestione dell’emergenza sanitaria.
Leggi l'articolo integrale.


Anche la Corte Costituzionale sostiene la tesi del sindacato: assumere a tempo indeterminato serve a contrastare l’abuso dei contratti a termine. La posizione è giunta con la sentenza 250/21 del 21 dicembre scorso, con cui i giudici sono intervenuti in ordine a una questione di costituzionalità sollevata dal Tribunale del Lavoro di Massa, su un contenzioso riguardante rapporti di lavoro con contratti di somministrazione presso le pubbliche amministrazioni. Secondo Orizzonte Scuola, la sentenza della Corte contiene alcuni “principi che possono essere in linea generale di riferimento anche per la scuola. dove la stabilizzazione pare ad oggi essere un miraggio”. Inoltre, la Corte aveva già chiarito con un’altra sentenza, la n. 89 del 2003, che la diversificazione, tra il settore pubblico e il settore privato, della disciplina dei rimedi dell’inosservanza delle regole imperative sul contratto di lavoro a termine non si traduce in una illegittima e discriminatoria riduzione della tutela attribuita al pubblico dipendente. Ne consegue che quella di assumere in ruolo il personale “altro non è che una questione di volontà politica che il legislatore dovrebbe raccogliere”: pertanto l’immissione in ruolo “sarebbe costituzionale, legittima e rispettosa dello Stato di diritto, cosa che il precariato ripetuto negli anni non lo è”.
Leggi il comunicato integrale.


"Con l'antidemocratico voto di fiducia imposto dal Governo, arriva a poche ore dalla scadenza il sì definitivo della Camera alla Legge di Bilancio 2022: in questo modo - dopo che prima di Natale avevamo assistito all'approvazione del testo a Palazzo Madama - la manovra finanziaria diventa legge dello Stato, con 355 i favorevoli e 45 contrari. Se a livello parlamentare le decisioni imposte dall'esecutivo sembrano riscuotere consensi, almeno per quel che riguarda la Scuola tra il personale, gli studenti e le famiglie c'è tanto rammarico e un'alta dose di dissenso: ancora una volta, l'Istruzione è stata messa all'angolo. Siamo delusi e amareggiati - dice Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief - perché contro questa Legge di Bilancio avevamo espresso tutte le nostre remore. Abbiamo anche fatto uno sciopero, lo scorso 10 dicembre, e proposto prima 31 emendamenti in Senato e nei giorni scorsi altri 11 alla Camera. Ma è stato tutto quasi inutile e tra qualche giorno, con il ritorno in classe, ce ne accorgeremo. Tranne qualche lieve modifica, come l'introduzione incompleta dell'attività motoria alla primaria (perché solo nelle classi quarte e quinte?), il prolungamento dei contratti Covid (perché solo fino al 31 marzo 2022?), il riconoscimento dell'indennità di sede (perché solo nelle piccole isole?), alla fine l'impianto normativo rimane quello ampiamente incompleto del Governo".
Leggi il comunicato integrale.

Pagina 1 di 32

Sportello straordinario Data Luogo Dettagli
CONSULENZA MOBILITA' Date multiple BL >>
CONSULENZA MOBILITA' Date multiple PD >>
CONSULENZA MOBILITA' Date multiple VR >>

Vedi tutti gli sportelli della regione

SEDE REGIONALE

Sede di Verona

Tel. 0458204304

Viale del Lavoro n.39, interno 17, a San Martino Buon Albergo (Vr)

Si riceve solo su appuntamento il lun ,mer e ven ore15.30-18.00 da richiedere a segreteria.veneto@anief.net Consulenza telefonica: 0458204304 dal lun al ven dalle ore 9:30 alle ore 12:00 lun, mer e ven dalle ore 15:30 alle ore 18:00

LE NOSTRE SEDI NELLA REGIONE

SEDI PROVINCIALI

Sportello di Belluno

Tel. 3357122949

Si riceve solo su appuntamento. Consulenza telefonica dal lunedì al venerdì dalle 15.00 alle 17.00 Data l'emergenza Covid-19 per le consulenze potete utilizzare Skype fino a nuove disposizioni. Nome skype: AniefBelluno

Sede di Padova

Tel. 3938550501 (consulenza telefonica lunedì, mercoledì e giovedì dalle 15:30 alle 18:30 e martedì e venerdì dalle 10.00 alle 12.00)

Sottopassaggio Saggin, 2 - c/o C/o Regus int.17. (9° piano)

Si riceve solo su appuntamento. Momentaneamente attiva consulenza via Skype - Nome skype: AniefPadova

Sportello di Rovigo

Tel. 3517023350 [Consulenza telefonica merc.e gio. 17.00 - 19.00] - Domenico Sodano 3500754298 [Cons. tel. lun. merc. ven. 16.00 - 18.00]

Si riceve solo su appuntamento. Data l'emergenza Covid-19 per le consulenze potete utilizzare Skype fino a nuove disposizioni. Nome skype: AniefRovigo

Sportello di Castelfranco Veneto (TV)

Tel. 3371182975

C/o Coffice - Piazza della Serenissima, 40, 31033 Castelfranco Veneto TV

Si riceve solo su appuntamento.

Sportello di Mestre (VE)

Tel.

CO-Working Mestre, via Torino 107-135

Consulenza telefonica e in presenza nei seguenti giorni e orari: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15:30 alle 18:00. Contattare il numero 0458204304

Sede di Verona

Tel. 0458204304

Viale del Lavoro n.39, interno 17, a San Martino Buon Albergo (Vr)

Si riceve solo su appuntamento il lun ,mer e ven ore15.30-18.00 da richiedere a segreteria.veneto@anief.net Consulenza telefonica: 0458204304 dal lun al ven dalle ore 9:30 alle ore 12:00 lun, mer e ven dalle ore 15:30 alle ore 18:00